Vera Philosophia

 

gesù_fra_i_dottori pagina di presentazione nutrix

Giulio d’Onofrio, Vera philosophia. Studi sul pensiero cristiano in età tardo-antica, alto-medievale e umanistica.
Città Nuova (Institutiones, 1) Roma 2013, pp. 384, ISBN 9788831117500 € 45,00

Fin dai primi secoli dell’era cristiana la ragione umana appare condizionata dalla necessità di confrontarsi con i contenuti di una rivelazione divina, riconosciuti come ‘veri’ a partire da una indimostrabile accettazione per fede. Ogni intellettuale da una indimostrabile accettazione per fede. Ogni intellettuale del Medioevo è stato indotto dall’appartenenza a tale mondo di cultura ad ammettere che la scienza naturale, se affidata a se stessa, è condannata dall’imperfezione e all’incapacità di assicurare conclusioni certe. Scaturisce da questa situazione un modello di philosophia ridimensionata e orientata dallo scetticismo moderato di Cicerone, sensibilmente distante da quello dominante nel pensiero greco classico. Innestandosi su tale percorso critico, i primi pensatori medievale hanno operato un vero e proprio ‘ribaltamento’ delle condizioni della conoscenza, portando la filosofia ad assaporare l’aprirsi di nuove e originarli prospettive di indagine. Questo libro analizza l’evoluzione di tale modello di pensiero nel corso dei secoli medievali che precedettero la riscoperta dell’epistemologia aristotelica in Occidente: da Agostino a Boezio, da Giovanni Scoto Eriugena ad Anselmo; e si conclude illustrando il ritorno del medesimo approccio metodologico, quale risultato della critica antiscolastica, presso gli intellettuali del Rinascimento; da Nicolò Cusano agli inizi della Riforma. Viene così ridisegnata, in tale intricato ma affascinante percorso, una importante pagina della storia della filosofia occidentale nel corso della quale, a proposito della natura stessa della verità, sono emerse questioni e sono state escogitate soluzioni di grande interesse anche per gli sviluppi del dibattito filosofico ed epistemologico contemporaneo.

Giulio d’Onofrio (Roma, 1953), insegna Storia della filosofia medievale all’Università di Salerno, dove dirige il «Dottorato di ricerca in filosofia, scienze e cultura dell’età tardo-antica, medievale e umanistica».. Specialista di storia del pensiero in epoca tardo-antica, alto-medievale e rinascimentale, è autore di ricerche sulle arti del trivio nell’alto Medioevo latino e sulla storia della riflessione teologica, culminate nella realizzazione corale sotto la sua direzione, della Storia della teologia nel Medioevo in tre volumi (Casale Monferrato 1996).

 Immagine: Gesù Bambino tra i dottori nel tempio (Lc 2, 41-52), ms. New York, Pierpont Morgan Library 302 (Ramsey Psalter), f. 2v (Photographic credit: The Pierpont Morgan Library, New York)