Princeps philosophorum: Platone nell’Occidente tardo-antico, medievale e umanistico

 

inst-5-platone

 

 

miniatura-inst-5

Princeps philosophorum. Platone nell’Occidente tardo-antico, medievale e umanistico, a c. di M. Borriello, A. M. Vitale, Città Nuova (Institutiones, 5) Roma 2016 ISBN: 9788831117548 € 45,00

Il pensiero di Platone, più di ogni altro modello speculativo, ha plasmato l’intera riflessione filosofica occidentale tanto nel metodo quanto nei contenuti, configurandosi per molti aspetti come il modello ideale del ‘fare filosofia’. Ripercorrere le molteplici vie della ricezione del messaggio platonico sino alle soglie della modernità non corrisponde dunque soltanto al mero accertamento di una presenza, ma significa invece osservare il vivo e creativo operare di questo messaggio all’interno del pensiero metafisico-teologico nel corso dei secoli. Il volume ricostruisce l’incidenza nella riflessione filosofica e culturale tra tarda Antichità e Rinascimento del pensiero e della stessa figura di Platone, considerato da molti e autorevoli testimoni il ‘principe’ o il ‘primo dei filosofi ’ e il ‘padre della filosofia’. Molto articolato, dunque, si presenta l’esame del dispiegarsi di questa feconda eredità: dal Medioplatonismo ai Padri della Chiesa, da Giovanni Scoto ai teologi cisterciensi del secolo XII , da Bonaventura di Bagnoregio a Dante e Boccaccio, dalla tradizione umanistica del Quattrocento alla scuola platonico-agostiniana fondata da Egidio da Viterbo nel secolo XVI , alla vigilia del Concilio di Trento. In questo modo i diversi capitoli di questa storia, nel loro complesso, consentono di indagare anche nei suoi aspetti meno noti il formarsi di quella ‘tradizione platonica’ che costituisce uno dei momenti fondativi della stessa identità spirituale dell’Occidente.

Maria Borriello (Pomigliano d’Arco, Napoli, 1974) e Angelo Maria Vitale (Salerno, 1979) sono Dottori di Ricerca in Filosofi a dell’età Tardo-antica, Medievale e Umanistica presso l’Università di Salerno. Entrambi sono membri della redazione editoriale del Progetto ‘Paradigma Medievale’, presso il Centro Interdipartimentale di Studi di Filosofi a tardo-antica, medievale e umanistica di Salerno (FiTMU).

Maria Borriello si occupa di storia del pensiero teologico-monastico altomedievale, con particolare riferimento ad autori cisterciensi, cui ha dedicato diversi studi. Attualmente è in preparazione un suo volume sull’opera e il pensiero di Garnerio di Rochefort (1145 ca.-1230 ca.) nella collana Collationes.

Angelo Maria Vitale insegna Estetica presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, sez. San Luigi, a Napoli. È segretario di direzione della rivista «Filosofi a e Teologia». Si occupa della tradizione platonica nel Rinascimento, in particolare della scuola platonico-agostiniana del Cinquecento, segnatamente di autori quali Egidio da Viterbo e Girolamo Seripando, su cui ha pubblicato vari studi.

 In copertina: il Verbo Demiurgo da Bible Moralisée (Parigi 1120/30 ca.) ms. Wien, Oesterreischische Nationalbibliothek, 2554, f. 1v

 Conversazione su Radio Radicale con Maria Borriello e Angelo Maria Vitale, curatori del volume