Sententiae philosophorum. L’alto Medioevo e la storia della filosofia

 

Collationes 1

immagine_collationes_media

Armando Bisogno, Sententiae philosophorum. L’alto Medioevo e la storia della filosofia

Città Nuova (Collationes, 1) Roma 2011, pp. 245  ISBN: 9788831118002 € 18,00

Sin dalle sue origini, la filosofia ha avvertito la necessità di dialogare con il proprio passato, il bisogno di volgere indietro lo sguardo  al fine di delineare, per emulazione o per contrasto, i caratteri della propria identità speculativa. Nei pensatori d’epoca tardoantica e altomedievale, da Giustino sino ad Abelardo e prima del ritorno in Occidente dell’intero corpus aristotelico, tale esigenza si concretizzò nella elaborazione di un modello ermeneutico di confronto anche polemico tra la tradizione filosofica dei secoli precedenti e la propria identità speculativa: un dialogo con la storia della filosofia a un tempo storiografico e teoretico, e sempre declinato al presente. Lo studio dell’età patristica e di quella altomedievale rivela dunque un modello di storiografia filosofica nel quale il valore del dato storico da preservare e interpretare si fonde con le aspirazioni filosofiche proprie dell’interprete, in una proposta speculativa che conserva ancora oggi la sua validità e il suo fascino.

Armando Bisogno (Polla, Salerno, 1974) è professore associato di Storia della filosofia medievale presso l’Università degli Studi di Salerno e insegna presso il corso di laurea in Filosofia e il Dottorato di ricerca in filosofia, scienze e cultura dell’età tardo-antica, medievale e umanistica. Si è occupato di storia del pensiero filosofico e teologico altomedievale, con particolare riferimento alla speculazione carolingia, cui ha dedicato il volume Il metodo carolingio. Identità culturale e dibattito teologico nel secolo nono (Turnhout, 2008).

 In copertina: Paolo predica ai Romani, Oxford, Bodleian Library, ms. Auct. D. 1.13, f. 1r (Photographic credit: Bodleian Library)